Sì al latte materno, anche col glifosato – ma stop al glifosato!

Il MAMI e IBFAN Italia, nel promuovere presso i propri soci e simpatizzanti l’Iniziativa dei Cittadini Europei “Stop Glifosato”, condividono in pieno la posizione espressa dal Comité de Lactancia Materna de la Asociación Española de Pediatría, “Contaminantes químicos y lactancia materna: tomando posiciones” (originale qui):

“L’informazione sulla presenza di contaminanti nel latte materno arriva ai media piuttosto spesso, creando confusione tra i genitori e gli operatori sanitari ed in alcuni casi provoca la sospensione dell’allattamento al seno. In questo documento, il Comitato per l’allattamento materno della Associazione Spagnola di Pediatria (AEP) sottolinea l’importanza di promuovere l’allattamento al seno come la scelta più sana, perché i suoi benefici superano chiaramente i rischi per la salute associati ai contaminanti chimici presenti nel latte materno. Il latte materno contiene fattori protettivi che contrastano i potenziali effetti nocivi connessi con l’esposizione prenatale a inquinanti ambientali. Il nostro obiettivo è stimolare il ruolo fondamentale delle istituzioni governative nello sviluppo di programmi mirati alla eliminazione o riduzione della contaminazione chimica del cibo e dell’ambiente“.

Poiché, infatti, l’esposizione al glifosato avviene già in utero, e poiché nemmeno gli alimenti per la prima infanzia (formule, liofilizzati e omogenizzati, ecc) sono privi di contaminanti, i bambini non nutriti al seno per evitare che assumano col latte materno anche le sostanze inquinanti presenti nel corpo materno, di fatto non evitano di assumerli comunque, e in più sono privati di tutte le sostanze vive ed inimitabili del latte materno che possono mitigare i danni di tali contaminanti e garantire loro il miglior stato di salute possibile nel contesto in cui nascono e crescono.

Questo è lo stesso spirito che ci ha spinto a promuovere, insieme ad altre associazioni, la Campagna in difesa del latte materno dai contaminanti ambientali, sul cui sito sono presenti documenti informativi per genitori e operatori.

Segnaliamo anche:

Rispondi