Pubblicata una Revisione pragmatica degli esperimenti di sostegno all’allattamento fra pari in rapporto di uno a uno condotti nei paesi industrializzati. Il MAMI mette a disposizione la traduzione

Pubblicata “A realist review of one‐to‐one breastfeeding peer support experiments conducted in developed country settings” di Heather Trickey, Gill Thomson, Aimee Grant, Julia Sanders, Mala Mann, Simon Murphy, Shantini Paranjothy su Wiley Online Library
…Secondo le raccomandazioni dell’OMS, il sostegno all’allattamento fra pari (breastfeeding peer support, BFPS) rientra fra le strategie per incrementare i tassi di allattamento.
La presente revisione punta a migliorare la comprensione dell’azione di BFPS, in rapporto di uno a uno, a partire dall’evidenza sperimentale. La revisione è volta a: (a) analizzare
l’eterogeneità delle basi teoriche e dei progetti di intervento di BFPS in rapporto di uno a uno; (b) orientare le decisioni progettuali attraverso l’individuazione di buone pratiche trasferibili ad altri contesti a partire dal confronto fra casi relativamente ai rapporti contesto-meccanismo-risultato; (c) ispirare modelli valutativi in base all’individuazione dei rapporti contesto-meccanismo-risultato associati alle condizioni sperimentali.
Si prevede che i risultati della presente revisione permetteranno a chi progetterà
interventi in futuro di adottare lo strumento di pensiero, illustrato precedentemente nello
schema modulare della Figura 2, e di fare riferimento agli enunciati conclusivi basati sulle evidenze per sviluppare interventi di sostegno fra pari in rapporto di uno a uno, che abbiano maggiore possibilità di essere attuati con successo e di essere accettati e apprezzati da madri, peer e personale sanitario…”
Il MAMI ha promosso la traduzione in italiano delle parti più rilevanti, a cura di Renata Lo Iacono e revisione di Adriano Cattaneo, che ringraziamo di cuore.
Il MAMI invierà il documento tradotto, esclusivamente per un uso interno, non diffondibile, ai gruppi di sostegno tra pari e alle istituzioni che ne faranno richiesta all’indirizzo info@mami.org

Rispondi