credit photo: pagina ufficiale IG Habiba Ghribi

Tunisia, la difficile promozione dell’allattamento

Dall’articolo de Le Monde di Lilia Blaise:

.“Secondo i dati del 2018, in Tunisia la difficile promozione dell’allattamento, è evidenziata anche da un 𝘁𝗮𝘀𝘀𝗼 𝗱𝗶 𝗮𝗹𝗹𝗮𝘁𝘁𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 𝗲𝘀𝗰𝗹𝘂𝘀𝗶𝘃𝗼 𝗱𝗲𝗹 𝟭𝟯,𝟱%, tra i più bassi al mondo dove 𝗻𝗲𝗺𝗺𝗲𝗻𝗼 𝘂𝗻 𝘁𝗲𝗿𝘇𝗼 𝗱𝗲𝗶 𝗻𝗲𝗼𝗻𝗮𝘁𝗶 𝘃𝗶𝗲𝗻𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗮𝘁𝘁𝗮𝘁𝗼 𝗱𝘂𝗿𝗮𝗻𝘁𝗲 𝗹𝗮 𝗽𝗿𝗶𝗺𝗮 𝗼𝗿𝗮 𝗱𝗼𝗽𝗼 𝗶𝗹 𝗽𝗮𝗿𝘁𝗼❞
.
Dal reportage si evince che a portare ad una percentuale dell’85% di neonati nutriti con formula, sono il marketing diffuso dei Sostituti del Latte Materno, e il poco sostegno e le mancate informazioni alle mamme che desiderano allattare.

.
Anche se rimane difficile la promozione dell’allattamento, continuando nella lettura, si apprende che dalla parte di bimbi e mamme ci sono delle alleate preziose come Eya Belkhir, una farmacista di 28 anni, consulente per l’allattamento o Dora Ladjimi, consulente per l’allattamento che ha creato un gruppo di sostegno La Bulle des Mamans : ❞𝗟𝗲 𝗱𝗼𝗻𝗻𝗲 𝘀𝗽𝗲𝘀𝘀𝗼 𝗱𝘂𝗯𝗶𝘁𝗮𝗻𝗼 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗾𝘂𝗮𝗹𝗶𝘁𝗮̀ 𝗱𝗲𝗹 𝗹𝗼𝗿𝗼 𝗹𝗮𝘁𝘁𝗲. Tutti questi messaggi senza fondamento, devono essere corretti“, dice Dora.
.
In foto il sorriso dell’atleta #Habiba #Ghribi che allatta il suo bambino: questo scatto è stato esposto per diverse settimane su giganteschi poster intonacati per le strade di Tunisi e di altre città tunisine. La campionessa mondiale e olimpica di corsa di lunga distanza, ha prestato il suo sostegno a questa campagna lanciata dall’UNICEF per incoraggiare le #buone #pratiche a sostegno dell’#allattamento.
.
Qui trovi il link al report della WBTi che  analizza la messa in pratica della Strategia Globale dell’OMS per l’alimentazione dei lattanti e dei bambini